Luca Piccinelli

Luca Piccinelli

Compu group medical/Studiofarma

Ho avuto il mio primo approccio con un computer a sei anni, con un Olivetti a fosfori verdi e una console ms-dos. Scopro però la programmazione, quella vera, solo all'università e la semplice curiosità si trasforma in amore a prima vista.
Approdo in Studiofarma nel 2010, dove ho avuto l'occasione di affrontare numerose sfide, complice il fatto che il COBOL non è il miglior amico del programmatore.
Sempre in Studiofarma mi è stato permesso di coronare gli anni universitari di studio in ambito di Computer Vision, portando sul mercato due prodotti dei quali ho vissuto l'intero ciclo di vita.
Perseguo costantemente l'automiglioramento e continuo a studiare la nostra disciplina con grande passione, concentrandomi su aspetti fondamentali come tecniche, metodologie e basi dell'informatica piuttosto che framework o linguaggi di tendenza.

Current sessions

Essere uno sviluppatore Cobol nel 2019 (e non sentirlo)

Oggi la maggioranza degli sviluppatori considera le tecnologie utilizzate in un’ azienda, come una delle metriche più importanti per valutare la possibilità di collaborazione. Purtroppo una decisione su questa base è superficiale; è davvero la tecnologia che ci spaventa? O forse temiamo la cultura aziendale che pensiamo sia più immediato associarvi? In questo talk voglio portare la mia esperienza, a dimostrazione del fatto che la tecnologia è solo uno strumento nelle mani di chi la utilizza. E' su queste persone, che dobbiamo puntare l’attenzione quando valutiamo un luogo di lavoro